Rsa aperta, un aiuto per le cure domiciliari

Rsa aperta, un aiuto per le cure domiciliari

Quando la persona anziana non ha più la possibilità di essere autonoma, per permetterle di rimanere presso la propria abitazione, la famiglia solitamente deve affrontare diverse problematiche (sanitarie,organizzative, emotive, relazionali, etiche); a volte è possibile ricorrere anche all’aiuto di assistenti familiari, a volte ad interventi di assistenza domiciliare.
Nella Delibera della Giunta Regionale 7769/18 – RSA APERTA sono previsti contributi chiamati voucher, che permettono di “acquistare” servizi per l’assistenza alla persona non più autonoma.

E’ importante per le famiglie conoscere ciò che è stato previsto in merito alla “RSA aperta”.
La RSA Aperta prevede infatti che alcuni interventi siano erogati da professionisti delle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) direttamente al domicilio, per aiutare le famiglie e gli assistenti domiciliari nel difficile compito della cura. Non si tratta quindi di trasferire la persona anziana presso ambulatori o centri specifici: nel caso della “RSA aperta” è possibile richiedere una valutazione all’equipe degli operatori preposti, che potrà predisporre un progetto individualizzato e prevedere alcuni interventi di cura presso la casa della persona anziana.

Chi può accedere alla RSA Aperta?

  • Persone con demenza (è necessaria una certificazione della patologia rilasciata da medico specialista geriatra/neurologo di strutture accreditate, es. Ospedale);

OPPURE

  • Anziani non autosufficienti: età pari o superiore a 75 anni, riconosciuti invalidi civili al 100% e con altri requisiti accertati durante la valutazione della richiesta
  • In entrambi i casi le persone devono disporre di almeno un caregiver familiare e/o professionale che presta assistenza nell’arco della giornata e della settimana.

Non sono previsti requisiti economici (non bisogna presentare l’ISEE).

Che tipo di aiuti vengono offerti?

Gli aiuti si differenzionano a seconda del grado di autosufficienza e delle patologie; ad esempio sono previsiti servizi di  consulenza alla famiglia per la gestione di disturbi del comportamento, o di “addestramento” alla cura per  familiari e badanti, oppure interventi di sostegno psicologico per la famiglia; in alcuni casi possono essere previsti ricoveri di sollievo (ricoveri temporanei in RSA, residenze sanitarie assistenziali); vengono erogsti anche interventi per la cura dell’igiene personale, di fisioterapia, di assistenza infermieristica ecc.

Come accedere a questi servizi?

  • Gli interventi sono erogati dalle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali); l’elenco delle RSA che aderiscono alla misura è disponibile sul sito dell’ATS Brianza, sulla pagina dedicata. Le famiglie possono scegliere una RSA tra quelle presenti nell’elenco e contattarle al fine di presentare la domanda di accesso (anche questa disponibile sul sito indicato).
  • La RSA idividuata svolgerà una valutazione multidisciplinare, che riguarderà sia la condizione complessiva dell’anziano e i suoi bisogni, sia la situazione della famiglia o delle persone di riferimento.
  • La stessa equipe di valutazione potrebbe non accogliere la richiesta, ma in questo caso indicherà eventuali altre risposte ai bisogni dell’anziano.
  • Nel caso in cui la risposta venga accolta, l’equipe stenderà un Piano Individualizzato (PI) con l’indicazione del tipo di aiuti offerti e della durata.Come avere piùi nformazioni:
  • Presso ogni ATS (ex ASL) della Lombardia e presso il Servizio Sociale del Comune di residenza ci sono operatori che si occupano delle cure domiciliari e della fragilità di persone anziane e disabili. E’ molto utile rivolgersi direttamente a loro per avere tutte le informazioni su questi possibili benefici economici e sulle modalità per richiederli.
  • Sito ATS
  • per informazioni più approfondite puoi contattare l’assistente sociale di Caritas Monza – Servizio Anziani e famiglie (telefono 335 8752422 – e-mail anzianifamiglie@caritasmonza.org)

 

LEGGE DI RIFERIMENTO:  Delibera della Giunta Regionale 7769/18 – RSA APERTA

 

I commenti sono chiusi